Viale Leonardo da Vinci: finalmente firmata la revoca del PUP

Roma Today : San Paolo: firmata la revoca per il PUP di viale Leonardo Da Vinci Ecco cosa ora può accadere di  Fabio Grilli http://garbatella.romatoday.it/san-paolo/pup-da-vinci-san-paolo-revoca-concessione.html

E’ stata firmata la revoca del parcheggio interrato di viale Leonardo Da Vinci. La notizia, annunciata dal locale comitato “NoPUP Indignati,” era attesa da molti anni. Nell’area più nascosta della frequentata strada di San Paolo, è infatti presente un cantiere che i cittadini hanno avversato con tutte le loro forze.

Un forte attrattore di degrado

Dietro le transenne che delimitavano l’area del PUP, si sono ripetutamente formate discariche abusive. In diverse occasioni sono state rinvenute anche delle siringhe e, finchè non sono stati rimossi, i container lì presenti sono stati utilizzati come dimore improvvisate. Per protestare contro il degrado del sito, i residenti sono ripetutamente scesi in piazza. Anche l’amministrazione municipale si è sempre schiarata dalla parte del Comitato, senza tuttavia riuscire ad ottenere il risultato oggi annunciato.

Continua a leggere

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

PUP Via Fermi: la Delibera popolare aspetta da 5 anni (ma forse una soluzione c’è)

Il Comitato NO PUP Fermi che da anni aspetta la votazione della delibera di iniziativa popolare per la cancellazione del parcheggio

Pubblichiamo un articolo di Fabio Grilli su Arvalia Roma Today, che ricorda come scandalosamente l’Assemblea capitolina non si sia mai espressa sulla Delibera di iniziativa popolare per cancellare l’intervento PUP di Via Enrico Fermi. Il Comitato No Pup Fermi ancora ai tempi del Sindaco Alemanno aveva raccolto 6111 firme in appena 2 mesi, e le aveva portate in Campidoglio, inscenando anche un sit in nell’Aula Giulio Cesare per chiedere che la Delibera fosse messa ai voti (1). Come ricostruisce l’articolo, durante la Consiliatura Marino la Delibera era stata effettivamente portata in Aula, ma alla fine si era deciso di rimandarla in Commissione, anche perchè la maggioranza PD era molto divisa (2). E va ricordato perchè il parcheggio privato sotterraneo su suolo pubblico era uno degli interventi prevsito dal Piano Urbano Parcheggi di Veltroni.

Continua a leggere

Pubblicato in Parcheggi e politica, regole e legalità | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Protocollo ANAC/Roma Capitale: Il Comune chieda all’ANAC parere sulle procedure del Piano Urbano Parcheggi

sito roma capitale raggi cantone accordoCarteinregola e altre associazioni hanno scritto al Presidente Cantone chiedendo di esprimersi sulle procedure del P.U.P. nello stesso giorno della sigla del Protocollo ANAC/Roma Capitale.


(Roma, 21 luglio 2017) Nello stesse ore in cui la Sindaca Raggi e il Presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione Raffaele Cantone siglavano un protocollo di azione per la “vigilanza collaborativa”*, in base al quale “Roma Capitale sottoporrà in via preventiva all’Autorità la documentazione riguardante gli appalti di rilevante importo economico, con l’obiettivo di assicurare la correttezza delle procedure ed evitare fenomeni corruttivi e di illegalità“, le associazioni Carteinregola, CILD Centro d’Iniziativa per la Legalità Democratica, Cittadinanzattiva Lazio, OPA Osservatorio Pubblica Amministrazione, inviavano all’ANAC e a Roma Capitale la richiesta di approfondimenti giuridici sulle procedure relative al Piano Urbano Parcheggi (in calce).

Continua a leggere

Pubblicato in Parcheggi e politica, regole e legalità | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Piano Urbano Parcheggi: le nostre preoccupazioni vecchie e nuovissime

muse pupProprio quando stavamo per presentare il nostro Dossier “Raggi X – un anno di Amministrazione M5S della Capitale”, abbiamo fatto una scoperta che rende ancora un po’ più preoccupante quanto già illustrato nel capitolo appena scritto del dossier – uno dei più dolenti – che riguarda quanto fatto e non fatto dall’Amministrazione pentastellata rispetto al Piano Urbano Parcheggi (in calce). Con un’Ordinanza della Sindaca Raggi del 27 giugno (a), il Direttore dell’Ufficio Attuazione Piano Parcheggi, che da un anno e mezzo aveva preso in mano la situazione del PUP, conquistando per il Comune numerosi risultati positivi, è stato trasferito da un giorno all’altro al XIII Municipio. Al suo posto è stato insediato un dirigente distaccato del Comune di Ciampino, ad interim per soli 3 mesi. Si mette cioè a dipanare una matassa che da anni aspetta di essere affrontata, un funzionario che durerà in carica per poche settimane.

Continua a leggere

Pubblicato in Parcheggi e politica, PUP Piano Urbano Parcheggi, regole e legalità | Lascia un commento

PUP: ecco cosa dice l’ANAC

bando avviso PUP parcheggi 1989

Il trafiletto pubblicato su tre quotidiani nel luglio 1989 (e poi ancora nel 1990) che ha dato origine al Piano Urbano Parcheggi della Capitale

Pubblichiamo una sintesi della Deliberazione dell’Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici (AVCP), oggi ANAC, del 30 maggio 2012 che, riprendendo una precedente Determinazione della stessa AVCP del 13 ottobre 2005, dichiara definitivamente che i parcheggi realizzati da privati su suolo pubblico in diritto di superficie sono opere pubbliche a tutti gli effetti e invita il Comune di Roma ad adeguarsi alle normative vigenti, sottoponendo a gara pubblica l’assegnazione degli interventi e adottando tutte le prescrizioni del Codice degli appalti.

Sono passati 27 anni dall’avviso del Comune per individuare i privati interessati a realizzare box privati su suolo comunale; 12 anni dalla prima determinazione dell’AVCP che definisce i Pup opere pubbliche, prescrivendo gare di evidenza pubblica (1); 11 anni dalla dichiarazione di emergenza traffico mobilità e dal conferimento dei poteri speciali al Sindaco commissario con potere di deroga a 37 leggi nazionali (tra cui il Codice degli appalti); 9 anni dall’ultimo Piano Parcheggi Veltroni/Alemanno (per gli interventi privati su suolo pubblico due Piani sono pressochè identici, l’uno di febbraio l’altro di novembre); 5 anni dalla seconda Deliberazione dell’AVCP ; quasi 5 anni dalla fine dello stato di emergenza e dei poteri speciali del Sindaco; 2 anni dalla ricognizione dell’allora assessore Improta degli interventi – a suo dire – “ancora riconducibili” all’avviso del 1989, e 2 anni dalla bozza di espunzione di soli 37 interventi.

Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento