Vogliamo Regole e Legalità anche per il Piano Urbano Parcheggi

il cantiere del parcheggio interrato di Piazza delle Muse, ormai terminato, che ha ocmportato lo sventramento di una collina e l'abbattimento di numerose alberature

il cantiere del parcheggio interrato di Piazza delle Muse, ormai terminato, che ha ocmportato lo sventramento di una collina e l’abbattimento di numerose alberature

Le richieste ai candidati Sindaco, Presidente di Municipio, consiglieri comunali e municipali

A cura del Coordinamento dei Comitati NO PUP e di Carteinregola

scarica versione stampabile PIANO PARCHEGGI richieste Carteinregola 3 maggio 2016

Smentiamo il luogo comune per cui i parcheggi sono una risposta efficace ai problemi della mobilità perché “tolgono le auto dalla strada”. La causa principale della disastrosa mobilità della Capitale è un rapporto auto private/abitanti che non ha uguali in nessuna città d’Europa, a fronte di un servizio di trasporto pubblico fortemente inadeguato, con conseguenti nefaste ricadute sull’economia della città e sulla qualità della vita dei cittadini. Senza un intervento strutturale sulla mobilità, qualunque Piano Parcheggi sarà sempre un palliativo.

A più di vent’anni dall’entrata in vigore della Legge 122/89 (Legge “Tognoli”) e dopo sei anni di Emergenza Traffico e Mobilità, con relativi poteri speciali del Sindaco, è ora di prendere atto che il Piano Urbano Parcheggi è stato un sostanziale fallimento:

  • Non sono stati realizzati  i nodi e parcheggi di scambio: di quelli previsti dal 2006 a oggi (arrivati a 17 nel 2008) ci risulta che ne sia stato completato solo uno
  • La percentuale rotazionale dei parcheggi è poco utilizzata e non garantisce un sufficiente ritorno economico al gestore
  • Molti box sono invenduti da anni
  • I cittadini non sono stati informati, né consultati, né tanto meno coinvolti rispetto agli       interventi, nemmeno rispetto       ai progetti delle sistemazioni superficiali*: la maggior parte dei parcheggi realizzati o in corso ha invece scatenato proteste e azioni legali da parte dei residenti

Nonostante il programma elettorale di Ignazio Marino promettesse una revisione del PUP insieme ai comitati e ai cittadini per riportarlo nel perimetro della pubblica utilità**, nei 2 anni e quattro mesi di consiliatura, l’assessore Improta ha incontrato solo i concessionari e non ha mai avviato un dialogo con i cittadini. Nessuna modifica è stata fatta, né rispetto all’elenco di interventi previsti dall’ultimo Piano Urbano Parcheggi approvato dalla Giunta Alemanno nel novembre 2008***, né rispetto alle procedure di affidamento degli interventi, dichiarate dalla deliberazione 57/2012 dell’ANAC “ormai non più coerenti con l’attuale quadro normativo”, né rispetto alle garanzie e alle tutele per i cittadini

I PARCHEGGI DEL PUP SONO OPERE PUBBLICHE E DEVONO RISPETTARE LE REGOLE DELLA CONCORRENZA. Anche i Pup, che non abbiano già sottoscritto una convenzione, devono seguire le direttive per le opere pubbliche, come scritto nella Deliberazione n.57 del 30 maggio 2012 dell’Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici (ora Anac). La legalità, insieme alla pubblica utilità e alla valorizzazione delle risorse pubbliche, devono essere i criteri guida della scelta degli interventi

IL PIANO DEVE ESSERE UN PIANO. È necessaria un’accurata pianificazione che integri il Piano Parcheggi con un piano generale della mobilità. La decisione su numero, tipo e localizzazione degli interventi, deve essere effettuata sulla base di uno studio dello stato attuale e della sua proiezione nel medio e lungo periodo, attraverso l’individuazione “caso per caso” della soluzione di sosta più utile alle esigenze del territorio e della mobilità cittadina. Gli uffici comunali, prima di  autorizzare la realizzazione di nuovi interventi, devono verificare che la ditta non sia inadempiente riguardo altre realizzazioni  in corso, sia sul rispetto delle prescrizioni e dei tempi, sia sul versamento degli oneri concessori.

LO SPAZIO PUBBLICO SOPRA I PARCHEGGI E’ DI TUTTI. Non si devono più realizzare parcheggi sotto aree verdi con alberature di prima e seconda grandezza o alberi di pregio. Le sistemazioni che contemplano la realizzazione di un nuovo giardino pubblico sopra i parcheggi devono prevedere una zolla di almeno 2,5 m di terra per permettere la piantumazione di alberi di prima e seconda grandezza. I progetti di sistemazione devono comprendere elaborati dettagliati e capitolati con la minuziosa indicazione dei materiali utilizzati. La manutenzione dell’area pubblica superficiale deve essere effettuata dal Comune, a spese del condominio dei proprietari dei box.

PARCHEGGI PER CHI. I parcheggi pertinenziali devono essere destinati al ricovero delle auto e non devono diventare cantine e magazzini, e devono essere effettivamente destinati ai proprietari di immobili dell’area limitrofa (“l’area di  influenza”), incentivati all’acquisto attraverso un prezzo favorevole definito attraverso i parametri del bando pubblico e comunque inferiore al valore di mercato. I parcheggi rotazionali devono essere prevalentemente collocati fuori dal perimetro della città storica e regolati da una politica tariffaria che scoraggi l’afflusso delle auto verso il centro premiando chi abbandona il mezzo privato nelle fasce più lontane.

PIU’ GARANZIE AI CITTADINI. I parcheggi non possono comportare il danneggiamento o il ridimensionamento di beni pubblici come siti archeologici, ville e giardini, vincolati e non. Gli oneri concessori da versare alle casse pubbliche devono essere proporzionati al prezzo finale di vendita dei posti auto. Il Comune deve garantire la sicurezza e il benessere di coloro che vivono e lavorano nelle aree degli interventi e la tutela degli edifici di contorno, adottando prescrizioni piú stringenti (come ad esempio quelle elaborate all’Ordine dei Geologi del Lazio insieme all’Ufficio Parcheggi) e soprattutto vigilando sul rispetto delle prescrizioni, in particolare per quanto riguarda le indagini preliminari e la congruità e la durata delle polizze assicurative per gli eventuali danni ai fabbricati limitrofi, durante la costruzione del parcheggio e per i dieci anni successivi al collaudo.

Chiediamo:

1) Elaborazione di un nuovo Piano Urbano Parcheggi collegato a un nuovo piano della mobilità, stilato sulla base di uno studio pubblico in cui siano inseriti solo interventi di pubblica utilità

2) Conseguente Revisione del Piano Parcheggi e, sulla base della Deliberazione n.57 della Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici (oggi ANAC) del 30 maggio 2012, messa a gara di evidenza pubblica di tutti gli interventi di cui non sia stata stipulata la convenzione

3) Pubblicazione on line degli interventi del PUP, con lo stato delle procedure e tutte le informazioni relative, a disposizione dei cittadini

4) Modifica dello Schema di Convenzione per la realizzazione di parcheggi interrati pubblici, con integrazioni tratte dalle convenzioni di altre città italiane, riguardanti in particolari le indagini preliminari e  le coperture assicurative

* nel 2014 è stato avviato un processo partecipativo per la sistemazione superficiale del parcheggio di Vai Giulia, di cui abbiamo più volte segnalato i limiti

**dal programma di Ignazio Marino:“Avviare insieme ai cittadini e ai comitati un nuovo Piano Urbano Parcheggi per ripensare i criteri di localizzazione, di gestione nonché degli effetti di riqualificazione che devono rispondere alle esigenze effettive della collettività e dell’accessibilità garantita al trasporto pubblico

*** alcuni interventi sono stati espunti durante la stessa amministrazione Alemanno, altri sono stati inseriti con Delibere di Giunta pochi giorni prima della fine della consiliatura, che riteniamo per i motivi esposti di seguito, che rispettino le normative vigenti

Annunci

Informazioni su comitatinopup

http://www.comitatinopup.it http://www.youtube.com/user/NOPUPTV
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Vogliamo Regole e Legalità anche per il Piano Urbano Parcheggi

  1. Pingback: Carteinregola e i Comitati NO PUP: sul Piano Urbano Parcheggi vogliamo il parere dell’ANAC |

  2. Pingback: Carteinregola e i Comitati NO PUP: sul Piano Urbano Parcheggi vogliamo il parere dell’ANAC | sostasostenibile

  3. Pingback: Carteinregola e i Comitati NO PUP: sul Piano Urbano Parcheggi vogliamo il parere dell’ANAC | sostasostenibile

  4. Pingback: Cari Presidenti e Consiglieri M5S, sul PUP vi giocate la faccia e la fiducia dei cittadini |

  5. Pingback: Cara Sindaca, Giunta, Presidenti e Consiglieri M5S, sul PUP vi giocate la faccia e la fiducia dei cittadini | sostasostenibile

  6. Pingback: cittadinanzattivaflaminio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...