Piano Urbano Parcheggi: vogliamo la verità.

via imera 3

A più di un anno dall’insediamento della nuova maggioranza, sul fronte parcheggi interrati privati su suolo pubblico tutto tace. Anche rispetto alle risposte chieste a gran voce dai cittadini. Come quelle del Comitato No Pup Fermi che, dopo aver raccolto migliaia di firme per la delibera popolare che chiede la cancellazione del parcheggio, e dopo averla finalmente vista approdare nell’aula capitolina, l’ha vista  ritirare per un “rinvio alla commissione”, con una procedura che non é prevista da nessun regolamento. Imbarazzato epilogo di un’imbarazzante situazione in cui evidentemente nessuno, rispetto al Piano Parcheggi, sa che pesci pigliare. Troppi interessi (soprattutto privati) in ballo, per rimettere mano seriamente al PUP, troppa impopolaritá per portarlo avanti come niente fosse. Quindi zero carbonella. E  intanto una sentenza del Tar condanna il Comune a rifondere le spese a un costruttore che in Viale Giulio Agricola doveva costruire un Pup. Una vicenda che potrebbe essere il monumento al modo sbagliato di progettare e gestire – anche politicamente – un’opera che sulla carta doveva essere di pubblico interesse,  e che nella realtà ha fatto solo danni, compresi questi ultimi all’erario comunale.

Come Carteinregola, Cittadinanzattiva Lazio Onlus, Coordinamento Comitati No PUP/ Sostasostenibile e  Mobilitiamoci, a gennaio abbiamo mandato una lettera all’assessore Improta e alle commissioni interessate,    abbiamo chiesto un’audizione –  che abbiamo avuto  a giugno –  e ancora il 1  agosto  abbiamo protocollato una ulteriore lettera(scarica la  lettera Sindaco PUP ) anche al Sindaco (che nel suo programma tra l’altro prometteva di rivedere il Piano Urbano Parcheggi con il criterio della pubblica utilità,  insieme ai cittadini e ai Comitati) . Solo per chiedere uno straccio di parere scritto dell’avvocatura su  una serie di questioni giuridiche  che non possono non essere chiarite, se si vuole veramente decidere che fare del PUP, soprattutto se non si vuole rischiare di pagare altre centinaia di migliaia di euro ai costruttori di parcheggi. Chissà se prima o poi qualcuno si prenderà la briga di appurare la verità su come stanno le cose.  Ma  sapere la verità comporta poi prendere delle decisioni. E ci sembra che nessuno, quando si parla di parcheggi, voglia farlo.  A questo punto speriamo che i consiglieri Athos De Luca, Gemma Azuni e Dario Nanni  facciano per noi le domande all’avvocatura, come hanno promesso il giorno della Delibera di iniziativa popolare non votata di via Fermi. Noi sappiamo che si sono sempre impegnati al nostro fianco, e che anche in quell’occasione  si sono adoperati per evitare che le speranze dei cittadini non venissero cancellate dal probabile voto negativo.  Ma adesso vogliamo sapere la verità. Il tempo del cambiamento é ora.

I

Annunci

Informazioni su comitatinopup

http://www.comitatinopup.it http://www.youtube.com/user/NOPUPTV
Questa voce è stata pubblicata in PUP Piano Urbano Parcheggi, regole e legalità e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Piano Urbano Parcheggi: vogliamo la verità.

  1. Pingback: PARCHEGGIO DI VIA FERMI:  PER FAVORE PARLIAMONE SERIAMENTE | sostasostenibile

  2. Pingback: La Delibera dei Mercati oggetto di indagine della magistratura | difendiamoimercatirionali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...