Parcheggio via Giulia: il TAR dà ragione ai comitati cittadini

Questo slideshow richiede JavaScript.

via giulia light 3 12 2016 foto ambm IMG_8399Il Coordinamento Residenti Città Storica (CRCS) da tempo aveva denunciato che il nuovo progetto del parking di Via Giulia – Largo Perosi (1) presentato dall’Impresa nel 2014 ed approvato in variante con D.G.C. n. 195 del 3 luglio 2014, aveva subito modifiche troppo consistenti, compresa una maggiore profondità del livello di scavo con rischi di interferenza con la falda idrica, senza essere stato sottoposto a nuove valutazioni tecniche e ad una eventuale nuova V.I.A. (verifica impatto ambientale).

Continua a leggere

Pubblicato in regole e legalità, Uncategorized, Via Giulia | Contrassegnato , , , , , , , | 1 commento

I VIDEO della seduta della Commissione Mobilità sul Piano Urbano Parcheggi –

Abbiamo partecipato alla Commissione Mobilità di Roma Capitale convocata l’ 8 febbraio insieme a molti rappresentanti dei Comitati NO PUP del nostro Coordinamento (presenti anche molti costruttori di parcheggi)e siamo intervenuti a nome di tutti i cittadini che da 7 anni si battono per un Piano parcheggi che rispetti le regole e l’interesse pubblico. Qui sotto i video della riunione dal canale youtube della Commissione Mobilità)

L’intervento di Carteinregola è nella prima parte a 46’58” – 51’28”

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Carteinregola e i Comitati NO PUP: sul Piano Urbano Parcheggi vogliamo il parere dell’ANAC

via imera 3

FOTO DEL 2012

Abbiamo partecipato alla Commissione Mobilità di Roma Capitale convocata oggi 8 febbraio insieme a molti rappresentanti dei Comitati NO PUP del nostro Coordinamento (presenti anche molti costruttori di parcheggi)e siamo intervenuti a nome di tutti i cittadini che da 7 anni si battono per un Piano parcheggi che rispetti le regole e l’interesse pubblico. In calce la nota consegnata alla Commissione con le nostre osservazioni, una sintesi della storia del Piano Urbano Parcheggi e le nostre richieste per un nuovo PUP .

Il nostro obiettivo, chiedere che la annunciata Delibera di espunzione di alcuni interventi del PUP – che approderà a giorni in Commissione – si adegui finalmente a quanto dichiarato dall’Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici, oggi ANAC, nella Deliberazione del 30 maggio 2012 , cioè che i parcheggi realizzati da privati su suolo pubblico in diritto di superficie sono opere pubbliche a tutti gli effetti e che il Comune di Roma deve adeguarsi alle normative vigenti, sottoponendo a gara pubblica l’assegnazione degli interventi e adottando tutte le prescrizioni del Codice degli appalti.

In particolare chiediamo che sia Raffaele Cantone a pronunciarsi su tutti quegli interventi che non hanno mai perfezionato l’iter procedurale, non arrivando quindi neanche alla stipula della Convenzione, interventi che, in molti casi, in questi 27 anni (dalla Legge Tognoli del 1989) hanno cambiato ditta di riferimento e anche localizzazione del parcheggio, ma che nessuna amministrazione ha avuto il coraggio di cancellare dal Piano.

La nostra battaglia tuttavia non si esaurisce nella richiesta di adeguamento alle normative per l’assegnazione degli interventi, ma comprende la richiesta della pianificazione dei Pup in funzione delle esigenze della mobilità (come previsto anche dal PGTU), l’adozione delle linee guida stilate dai geologi del Lazio insieme al Comune nel 2012, maggiori tutele per i residenti, il coinvolgimento dei cittadini con processi partecipati per le sistemazioni superficiali, la totale trasparenza su atti e procedure. E anche la richiesta di soluzioni per i cantieri aperti da anni e diventati oasi di degrado, i parcheggi ultimati ma non utilizzati, quelli in funzione e mai collaudati, le sistemazioni superficiali non riconsegnate all’uso pubblico per la mancata presa in carico da parte degli uffici comunali e molto altro.

(Anna Maria Bianchi Missaglia e il Gruppo PUP di Carteinregola)

Per osservazioni e precisazioni info@carteinregola.it

> Vai a Deliberazione del 30 maggio 2012 dell’Autorità Vigilanza sui Contratti Pubblici

> Vai a Cronologia e materiali del PUP

> scarica il Dossier del 14 settembre 2014 “Piano urbano Parcheggi voltiamo pagina” 16-settembre2016-piano-urbano-parcheggi-voltiamo-pagina-2016

QUESTO PIANO PARCHEGGI NON RISPETTA LE NORMATIVE VIGENTI

Documento di Carteinregola e del Coord. dei Comitati NO PUP/Sosta sostenibile per la Commissione Mobilità dell’8 febbraio 2017 Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Via Como, metafora dei pasticci alla romana

via como immagine da dossierIl Comitato Centro Sportivo via Como da anni si batte per la risistemazione di tutta l’area un tempo occupata da uno storico e prestigioso circolo tennistico all’ombra di rigogliose alberature e che oggi è un degradato coperchio di cemento del sottostante parcheggio, da tempo ultimato e utilizzato. Dal 2010 il Comitato chiede che il centro sportivo sia restituito ai cittadini nel rispetto delle normative vigenti e dell’interesse pubblico. Una storia lunga e con molte ombre che deve essere affrontata una volta per tutte con tempestività e trasparenza. L’11 gennaio si è svolta sul tema la riunione delle Commissioni congiunte Mobilità Urbanistica e Sport in cui è intervenuta Carteinregola (in calce il video – intervento Anna Maria Bianchi a 42’20” da inizio) Pubblichiamo il dossier presentato da Carteinregola con la sintesi della vicenda) [scarica il PDF con sintesi e cronologia CARTEINREGOLA VIA COMO 13 GENNAIO 2017

Continua a leggere

Pubblicato in PARCHEGGI PER LA CITTA'?, PUP Piano Urbano Parcheggi, Uncategorized | 1 commento

Fallimento PUP: Campo Testaccio

campo-testaccio-mappa-satelliteCominciamo a mettere insieme il  catalogo  dei  casi emblematici  del fallimento del Piano Urbano Parcheggi della Capitale,  varato all’inizio degli anni ’90,   portato avanti  con sostanziale continuità dalle Giunte Rutelli, Veltroni e Alemanno, congelato  dalla Giunta Marino e dal commissario Tronca,  ma oggi  ancora sospeso come una Spada di Damocle sulla città.  Infatti, almeno in teoria,  è ancora vigente l’ultimo Piano del novembre 2008 di Alemanno, quasi la fotocopia di quello di Veltroni del febbraio 2008. E tutti hanno continuato a non dare seguito alla Dichiarazione  dell’Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici (ora ANAC) del 2012, che ribadisce con forza che i PUP sono opere pubbliche e che quegli interventi non rispettano le norme  del Codice degli appalti.  Avrà la forza e la volontà la nuova amministrazione di affrontare questa patata bollente con la trasparenza e il rispetto della legalità tanto sbandierate in campagna elettorale? (AMBM)

Segnala il Messaggero, riportato dal sito Roma 24, che  il Consiglio del I Municipio ha votato all’unanimità una mozione che sollecita il sindaco Virginia Raggi a varare un’ordinanza per l’immediata bonifica dell’area e di attivare  un tavolo interistituzionale tra Municipio e Comune per riconvertire l’ampia zona di via Nicola Zabaglia alla sua destinazione originale di campo sportivo. Campo Testaccio nel 2006 fu inserito nel Piano Parcheggi istituito con i poteri speciali per l’emergenza traffico, conferiti al Sindaco di Roma. Il progetto, tuttavia, non fu mai compiuto e nel 2015 il Consiglio di Stato ha fatto decadere la convenzione con il Consorzio romano parcheggi a causa del mancato inizio dei cantieri e per il superamento dei tempi utili ai lavori. Ciononostante, l’area figura ancora come parcheggio, e non come campo sportivo.. leggi tutto http://www.laroma24.it/rubriche/la-penna-degli-altri/2016/12/agonia-campo-testaccio-riapritelo-ma-ora-la-palla-passa-al-campidoglio

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento